lunedì, maggio 25, 2009

Marta, Martino, la Cannaiola ed i Castelli

Poco prima che l'Angelo della Temperanza, intonando "Beati gli illuminati da Dio che non si fanno eccitare dalla gola e hanno fame di quanto è giusto", li trascinasse fuori dalla Sesta Cornice del Purgatorio, Dante ed il suo vate Virgilio s'erano imbattuti in Martino IV.

« ...ebbe la Santa Chiesa e le sue braccia: dal Torso fu, e purga per digiuno l'anguille di Bolsena e la Vernaccia »

cantava di questo Papa francese il Sommo.

Simon de Brion, che tale era stato fino a quando nel conclave di Viterbo del 1281 non era stato all'unanimità papizzato, era un bon viveur.
Durante i suoi (pochi, per la verità) soggiorni a Montefiascone, diede dimostrazione di apprezzare particolarmente il pescato di lago, anguille e coregoni capintesta, nonché le vernacce prodotte dai contadini della zona.

Un elogio di Martino IV, questo è certo, sarebbe riuscito a strapparlo anche Tonino Castelli, che con suo fratello Silvano - dopo un meticoloso e certosino lavoro di recupero della memoria storica - è riuscito a rispolverare il lustro di quella vernaccia prodotta con il Cannaiolo Nero, la Cannaiola, nell'ultimo ventennio destinata ad imperitura memoria come vino edulcorato e contraffatto ad arte per imbambolare imberbi frequentatori di nazionalpopolari adunate di massa sagresche.

Il Martino IV prodotto dall'Az. Agricola San Savino è un un Colli Etruschi Viterbesi D.O.C. dalla facile beva, che può essere sorseggiato anche fresco, giura Tonino, e tutt'altro che banalmente abbinato non solo alla pasticceria secca, come tradizione (sofisticata, anch'essa) vorrebbe.

Noialtri del civitasvetulino chioccioloso convivio proviamo a sfatare il mito della finta Cannaiola incontrando il vignaiolo Castelli venerdì 29 alle 18.00 (fuso Slow, quindi 18.30...) al Panama Café, per farci una chiacchierata e degustare la Cannaiola di Marta con qualche finger food griffato Chiara.

Per maggiori info, qua sotto c'è la locandina in geipeg. Oppure provate a cliccare qua.



4 commenti:

janefonda ha detto...

bell'iniziativa ma perchè farla a civitavecchia? credo sarebbe stato meglio farla a marta, paese che conosco assai bene visto che da diversi anni passo le mie estati a capodimonte, 2 km di distanza...
comunque bella, sempre quando si valorizza il territorio e le sue peculiarità...

Fabrizio ha detto...

cara Jane, la mission di slowfood è quella di valorizzare un territorio facendolo, in primis, conoscere.
Noi siamo a Civitavecchia, e la Cannaiola la conosciamo tramite i (pessimi) epigoni qua giunti.
Far rivivere un pezzo di Marta sulla costa non può che aiutare, non credi?
[e poi mi sembra d'aver capito che anche a Capodimonte, dove "regna" un convivio slow molto attivo e professional, non sono mancate occasioni...]

Fabrizio ha detto...

e poi scusa, ci ripenso come i cornuti...
ma le degustazioni di Barolo si fanno solo nelle Langhe?
Credi debba essere così?
:|

vincent ha detto...

Il tuo blog ha attirato la nostra attenzione per la qualita delle sue ricette.
Saremmo felici se lo registrassi su Ptitchef.com in modo da poterlo indicizzare.

Ptitchef e un sito che fa riferimento ai migliori siti di cucina del
Web. Centinaia di blog sono gia iscritti ed utilizzano Ptitchef per
farsi conoscere.

Per effettuare l'iscrizione su Ptitchef, bisogna andare su
http://it.petitchef.com/?obj=front&action=site_ajout_form oppure su
http://it.petitchef.com e cliccare su "Inserisci il tuo blog - sito"
nella barra in alto.

Ti inviamo i nostri migliori saluti

Vincent
Petitchef.com